I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
rotate-screen-device-prospero-editore

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Inviaci il tuo testo Concorsi Altri servizi Distribuzione Partner Rivista "Zona Letteraria" Rivista "The Submarine" Rivista "Q code" Collana "Scrittojo" Collana "Le orbite" Collana "Le clessidre"

catalogo

Autori

Cinzia Abis Silvia Accorrà Massimo Allegrezza Patrizia Argentino Sergio Baratto Gabriele Baroni Carla Benedetti & Giovanni Giovannetti Andrea Benussi Gabriel-Aldo Bertozzi Serena Bilanceri Marcello Bolpagni Francesco Bongiorno Giorgia Boragini Luca Bozzoli Emiliano Brunetti Antonia Buizza Riccardo Burgazzi Heiko H. Caimi Stefano Calzati Matthias Canapini Marco Candida Paolo Caponetto Valerio Carbone Paolo Ceccarini Marta Chini Daniele Comberiati Carlo Conte & Andrea Cerasuolo Luca Cristiano Alessandro Dal Lago Isabella Fosca De Miro Mario De Nardo Ilaria de Seta Rosario Dipasquale Riccardo Donati & Nicola Turi Michele Emidi Niccolò Falchini Marisa Fasanella Fabri Fiacca & Denis Venturi Alberto Figliolia Valeria Fraccari Gino Franchetti Alberto Fumagalli Vincenzo Furfaro Liuba Gallazzi Roberto Garatti Elisabetta Garbini Costa Achille Gasparotti Andrea Gialloreto Barbara Giuliani Alberto Grandi Lucia Grassiccia Tanja Habrle Gerardo Innarella Giovanna Lo Monaco L'Orablù Roberto Marri Marco Mastromauro Simone Mazza Nadia Meli Lorenzo Merlo Eliana Moscarda Mirković Franco Monaca Cristina Muccioli Ivana Lalli Paćelat Riccardo Pelizzo Riccardo Pelizzo & Kinyondo Abel Maximo Pellegrinetti Giuseppe Perciabosco Marco Vinz Pinnavaia Diana Pintus Paolo Vitaliano Pizzato Mario Pomilio Emilia Primicile Carafa Rosalia Pucci Redazione Q-Code mag Gabriella Raimondi Claudio Roncarati Ferdinando Salamino Daniele Scalese Antonella Sica Stefania Signorelli Francesco Simoncini Nivangio Siovara Stefano Spataro Mario Spinella Maria Luisa Suprani Stefano Testa Redazione The Submarine Sonia Trovato Vincenzo Turba Nicoletta Vallorani Ygor Varieschi Elvira Vigliano Taranto WWF Redazione Zona Letteraria

Pubblica con noi

News

Crowdfunding per Q-Code magazine

17 Giugno alle ore 12:00

Letteratura espressa - Una vecchia foto

13 Marzo alle ore 15:00

Letteratura espressa - persona in b/n

20 Febbraio alle ore 10:10

Letteratura espressa - Sara

05 Dicembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Notizie dalla frontiera

14 Novembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Questo è il mio braccio

31 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Le ortiche

03 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Istvan

12 Settembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Verso il vulcano

22 Agosto alle ore 09:09

Letteratura espressa - L'uomo senza

25 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Un pezzo di cielo dentro di me

11 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Roy

27 Giugno alle ore 10:10

Letteratura espressa - La casa delle aquile

13 Giugno alle ore 09:09

Letteratura espressa - Gli sposi

30 Maggio alle ore 10:10

Premio di poesia Matteo Cristiano - Prima edizione

23 Maggio alle ore 18:00

Letteratura espressa - Il fiume in piena

16 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Mattina, stazione

02 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Il posto delle cose

18 Aprile alle ore 09:09

Letteratura espressa: nuova stagione

18 Aprile alle ore 08:08

Siamo così indie

12 Aprile alle ore 09:09

Dal letame non sempre nascono i fiori

07 Dicembre alle ore 09:09

Premio Gozzano 2017 a Valeria Fraccari

15 Ottobre alle ore 08:08

Presentazione ufficiale di Scrittojo a Chieti

05 Maggio alle ore 09:09

Eventi

Post

logo-prpospero2
Letteratura espressa - Una vecchia foto
Letteratura espressa - Una vecchia foto-image

Prima dell’arrivo di smartphones e compatte, molto tempo fa (ma no, nemmeno poi tanto), si scattavano foto analogiche sfruttando la pellicola. Ricordate? Vi è capitato di recente di scorrere tra le mani delle stampe imperfette, magari con le teste dei soggetti tagliate fuori o il primo piano sfocato? Fatelo, in caso contrario, ma attenti perché a volte la memoria gioca brutti scherzi

 

Una vecchia foto

 

Lei sta guardando vecchie foto di famiglia.

Fruga nella scatola di scarpe e sorteggia schegge di vita tanto lontane da sembrare appartenere a sconosciuti.

Però quel cappellino cucito all'uncinetto con il pizzo Valencienne ricorda di averlo fatto proprio lei: risente il cotone candido scorrerle tra le dita, mima il roteare del polso che sostiene il ferro, risente il ritmo che guida la danza delle mani.

Si deve proprio decidere ad andare dall’ottico per i nuovi occhiali che le hanno prescritto per la maculopatia, che ora non le permette quasi più di vedere.

Intanto la bimba sorride sdentata dentro la carrozzella inglese, e tutto intorno è estate.
Sullo sfondo, oltre la ringhiera di legno, due cigni si guardano, immobili nell’acqua immobile.
Sicuramente Lei era lì a fianco, fuori dall’obiettivo. Chissà che vestito indossava, chissà come era pettinata?
Sì, quella sua figlia sembrava proprio una bambola di porcellana, con la manina aperta ferma in un saluto astratto, seduta con le gambette corte e cicciotte, con gli occhi socchiusi per il sole.

Lei chiude le palpebre solo un momento, per calmare il bruciore, e la bimba scende dalla carrozzella, appoggia i piedi sul ghiaino candido e con un’andatura incerta scompare dalla foto.
Dove sarà andata, adesso?
Con le mani tremanti rovista nella scatola e, angosciata, la cerca tra le feste di compleanno, le vacanze a Moscenicka Draga, i terrazzi romani assolati. Nulla! Pare scomparsa. Solleva il mucchio delle foto e le rovescia sulla scrivania. Dalle cornici d’argento la famiglia intera, con sorrisi cristallizzati, segue allarmata la sua ricerca. Nulla!
Dove sarà andata, adesso?

La bimba è finita sul tappeto, proprio accanto alle pantofole azzurre di pelouche.
Si guarda attorno sperduta, stordita da quei colori che improvvisamente hanno invaso il suo quieto mondo in bianco e nero. Vede le gambe gonfie e le ramificazioni blu dei capillari che disegnano le caviglie di Lei e ne prova orrore. Senza saper dove andare, si trova nel salotto dove Lui, abbandonato sulla poltrona, dorme russando a bocca spalancata.
Dov’è casa sua?
Guarda la vecchia libreria e il tavolo ovale, assomigliano a quelli della casa dove viveva, ma questi le sembrano inanimati e corrotti.
Dov’è casa sua?
Supera la soglia di casa, inciampando in un ago di pino sullo zerbino e corre nell’erba fradicia del giardino, scomparendo sotto la siepe di bosso.

No, quella non era casa sua!

Lei sente una mano che, dolcemente, le si è appoggiata sopra la spalla. Non si volta subito: continua ancora a cercare imbambolata nella scatola delle foto.
Poi si gira verso la badante con un vago sorriso interrogativo.
È pronta la cena. 

 

 

Stefano Testa

Stefano Testa è nato a Roma nel 1949. Da sempre vive nei pressi di Porretta Terme. Sue recenti pubblicazioni con Prospero Editore sono Qui, a farci quel vento – vol. 1 e Qui, a farci quel vento – vol. 2. Ha fatto molti lavori: il redattore nello storico programma Rai “Gli eroi di cartone”, il bibliotecario, l'addetto stampa in una stazione termale, il musicista. Un suo LP del 1977, Una vita, una balena bianca e altre cose, concept album sulla vita di Cesare Pavese, viene considerato un piccolo gioiello del rock progressive italiano. Nel 2012 ha inciso Il silenzio del mondo e, nel 2016, ha pubblicato per Mellow Record la suite Andrea il Traditore.