I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
rotate-screen-device-prospero-editore

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Inviaci il tuo testo Concorsi Altri servizi Distribuzione Partner Rivista "Zona Letteraria" Rivista "The Submarine" Rivista "Q code" Collana "Scrittojo" Collana "Le orbite" Collana "Le clessidre"

catalogo

Autori

Cinzia Abis Silvia Accorrà Massimo Allegrezza Patrizia Argentino Sergio Baratto Gabriele Baroni Carla Benedetti & Giovanni Giovannetti Andrea Benussi Gabriel-Aldo Bertozzi Serena Bilanceri Marcello Bolpagni Francesco Bongiorno Giorgia Boragini Luca Bozzoli Emiliano Brunetti Antonia Buizza Riccardo Burgazzi Heiko H. Caimi Stefano Calzati Matthias Canapini Marco Candida Paolo Caponetto Valerio Carbone Paolo Ceccarini Marta Chini Daniele Comberiati Carlo Conte & Andrea Cerasuolo Luca Cristiano Alessandro Dal Lago Isabella Fosca De Miro Mario De Nardo Ilaria de Seta Rosario Dipasquale Riccardo Donati & Nicola Turi Michele Emidi Niccolò Falchini Marisa Fasanella Fabri Fiacca & Denis Venturi Alberto Figliolia Valeria Fraccari Gino Franchetti Alberto Fumagalli Vincenzo Furfaro Liuba Gallazzi Roberto Garatti Elisabetta Garbini Costa Achille Gasparotti Andrea Gialloreto Barbara Giuliani Alberto Grandi Lucia Grassiccia Gerardo Innarella L'Orablù Roberto Marri Marco Mastromauro Simone Mazza Nadia Meli Lorenzo Merlo Franco Monaca Cristina Muccioli Riccardo Pelizzo Riccardo Pelizzo & Kinyondo Abel Maximo Pellegrinetti Giuseppe Perciabosco Marco Vinz Pinnavaia Diana Pintus Paolo Vitaliano Pizzato Mario Pomilio Emilia Primicile Carafa Rosalia Pucci Redazione Q-Code mag Gabriella Raimondi Claudio Roncarati Ferdinando Salamino Daniele Scalese Antonella Sica Stefania Signorelli Francesco Simoncini Nivangio Siovara Stefano Spataro Mario Spinella Maria Luisa Suprani Stefano Testa Redazione The Submarine Sonia Trovato Vincenzo Turba Nicoletta Vallorani Ygor Varieschi Elvira Vigliano Taranto WWF Redazione Zona Letteraria

Pubblica con noi

News

Crowdfunding per Q-Code magazine

17 Giugno alle ore 12:00

Letteratura espressa - Una vecchia foto

13 Marzo alle ore 15:00

Letteratura espressa - persona in b/n

20 Febbraio alle ore 10:10

Letteratura espressa - Sara

05 Dicembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Notizie dalla frontiera

14 Novembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Questo è il mio braccio

31 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Le ortiche

03 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Istvan

12 Settembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Verso il vulcano

22 Agosto alle ore 09:09

Letteratura espressa - L'uomo senza

25 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Un pezzo di cielo dentro di me

11 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Roy

27 Giugno alle ore 10:10

Letteratura espressa - La casa delle aquile

13 Giugno alle ore 09:09

Letteratura espressa - Gli sposi

30 Maggio alle ore 10:10

Premio di poesia Matteo Cristiano - Prima edizione

23 Maggio alle ore 18:00

Letteratura espressa - Il fiume in piena

16 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Mattina, stazione

02 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Il posto delle cose

18 Aprile alle ore 09:09

Letteratura espressa: nuova stagione

18 Aprile alle ore 08:08

Siamo così indie

12 Aprile alle ore 09:09

Dal letame non sempre nascono i fiori

07 Dicembre alle ore 09:09

Premio Gozzano 2017 a Valeria Fraccari

15 Ottobre alle ore 08:08

Presentazione ufficiale di Scrittojo a Chieti

05 Maggio alle ore 09:09

Eventi

Post

logo-prpospero2
Letteratura espressa - persona in b/n
Letteratura espressa - persona in b/n-image

I colori distraggono talvolta. Nulla a che vedere con la schiettezza di un biancoenero, talmente adeguato a un’aria gelida. Per voi oggi un racconto che buca il momento e che prova a dire il silenzio. Quanto di più arduo, dal suo palco, per ogni persona (maschera, ci ricorda quel birichino che è l’etimo).

 

Persona in b/n

Con la chiave, quella, già fuori, protesa nello spazio oltre alla soglia, esposta all'aria gelida e già pronta a rientrare nella toppa per richiudere, prima, e poi, finalmente, tornare nelle tasche tiepide del padrone di casa e Oh, ecco il meritato riposo, Lui, Quello, inciampò. Annusato il ghiaccio che l'attendeva armato, fluttuante nell'aria esterna, rifletté: m'inciampo dunque: qui Giano delle porte dice che sarebbe meglio restare a casa, prima di far la fine del Protesilao del giorno, che quali e quante sciagure mi si abbatteranno da qui al supermercato, schiacciato dall'ingresso automatico, novello Ellesponto, appena sbarcato sulle spiagge di Dardano, investito da un carrello tirato da due stalloni inviati da Nettuno, col freddo che fa, poi in casa c'è roba da mangiare per tre giorni e questa cosa di recarsi ciclicamente a fare la spesa non è altro che un vizio, un'abitudine perversa, con questa nebbia, poi, e con la crisi che c'è, il futuro è nero, a parte il Natale che è bianco, in una giornata così, bene farei a starmene a casa a guardarmi un bel film vecchio di quelli in bianco e nero, e tutto questo sia detto al di là della questione Giano e inciamparsi sulla soglia, dacché fortunatamente, io, non sono superstizioso. Oh, no. Teneva persino un gatto nero in casa. Sia detto al di là del fatto che le vecchie del paese gli avessero ripetuto, per una vita: Gatto nero in strada, alla sciagura bada; Gatto nero in casa, la fortuna ti s'infrasa, dove, più o meno dialettalmente, l'infrasarsi sta per l'incastrarsi di molte cose, allusione alla sovrabbondante fortuna che t'investirà come l'esondazione di un fiume d'oro colato che il gatto nero domestico farà in modo, che tu lo voglia o no, di deviarti in salotto.

Per quanto al momento, diciamocelo, in salotto l'unica pioggia dorata che quel gatto grasso è stato capace di portare è stata la sua urina, il più delle volte diabolicamente irrorata in modo d'andar a sporcare muro o pavimento solo spruzzando di striscio la lettiera, giusto per poter dire Oh padroncino mio, io avevo Davvero mirato a quella cosa che tu Gentilmente hai posizionato lì per farmici urinare dentro, ma io sono miope e debole (a causa del poco cibo che mi concedi) e questo è tutto quello che ho potuto fare, quando in realtà è chiaro che voglia solo vendicarsi del cosiddetto padroncino che dopo un'ora e mezza finisce ignobilmente per annoiarsi di giocare alla palletta con lui.

Comunque lo snaturato compagno di questo nobile ed altero animale, richiusa la porta, lasciò sole e perplesse le chiavi sul mobile dell'entrata e s'avviò verso lo scaffale delle videocassette. Aveva già scelto il film: Persona di Bergman. Perché era proprio il biancoenero che si addiceva alla giornata, e poi perché l'aveva già visto tante di quelle volte che si poteva pure permettere di fare altro, nel frattempo...

Accese il videoregistratore. Infilò la cassetta. Play. Andò verso la finestra. Alzò la tapparella. Spense le luci. La sala illuminata di nebbia riflessa.

È perfetta, Liv Ullman, anche senza parole. Lascia senza parole. Ti lascia a bocca aperta. Perfetta la sua bocca. Con quella bocca potrebbe dire ciò che vuole, invece fa di più, in Persona: non parla. Con quella bocca dovrebbe tacere, pensò il Nostro, guardando fuori, vedendo quella vecchietta curva di sacchi della spesa che risaliva la strada verso casa. Qualche giorno prima gli si era avvicinata e gli aveva chiesto delle condizioni di salute dell'anziano padre, e quando il Nostro gli rispose Non troppo bene, purtroppo, lei commentò Dobbiamo sperare, speriamo. Qualcosa bisogna pur dire. Al che lui pensò Ma perché? E:

Con quella bocca può dire ciò che vuole, Liv Ullman. Anzi, di più. Può permettersi di tacere.

Guardò il gatto e pensò: Come si dice, è perfetto, gli manca solo la parola. Qualcosa bisogna pur dire: È perfetto: gli manca la parola.

Scivolando dentro e fuori dalla visuale, come una macchia scura che pulsa nella nebbia, sfilò, camminando all'indietro, una donna vestita completamente di scuro, a piccoli passi, sul marciapiede semi-ghiacciato. Il fumo della sua sigaretta frammischiato al vapore del suo fiato rimaneva sospeso sulla sua testa e a contatto con la nebbia sembrava rapprendersi in un fumetto sopra al suo capo in cui si leggeva: “Tutto è nero”. E Lui pensò: C'è chi si sposa tutta vestita di bianco perché è segno di purezza. Perché a chi si mette in lutto non si da dell'impuro?

Forse la Ullman ha sussurrato qualcosa. Fa freddo, in quel film. Dovrebbero stare a casa, ad accarezzare il gatto, a scoprirlo meravigliosamente muto.

Ancora, alla finestra: il camino fumante del dirimpettaio. Rifletté: Nel nero fumo che per sua natura ambirebbe ad innalzarsi a un lassù qualcosa, ad un sopra X, portato dal vento ad annerire le vostre candide pareti, io sto.

Col bianco che si dissocia dal nero solo per potere, un giorno, essere nero. E il nero che fa lo stesso, ed eccoli che si scambiano le parti.

Il grigio è la traccia di un incrocio. Il segno che le due parti sono transitate di lì, lasciando che solo il loro ricordo si mischiasse.

Forse si diventerebbe persino migliori se ci si accontentasse di essere come si è.

La diversità di chi sta in disparte non serve di lezione. A nessuno.

Il mio inchiostro è fuliggine.

Per me il fuoco è solo una diceria.

È superstizione.

 

Nivangio Siovara

 

Nivangio Siovara non esiste, è solo uno pseudonimo. Come Atena, è nato dalla testa del padre che non abbandona mai; trascorre, anzi, il proprio tempo ad osservarlo con scientifico interesse. Il risultato è una continua produzione di oscuri scritti, tra cui i romanzi editi per i tipi di Prospero: il nuovissimo In Albis e L’onestà del moloch.