I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Inviaci il tuo testo Concorsi Altri servizi Distribuzione Rivista "Zona Letteraria" Collana "Scrittojo" Collana "Le orbite" Partner

catalogo

Autori

Cinzia Abis Silvia Accorrà Patrizia Argentino Sergio Baratto Gabriele Baroni Carla Benedetti & Giovanni Giovannetti Andrea Benussi Gabriel-Aldo Bertozzi Serena Bilanceri Marcello Bolpagni Francesco Bongiorno Giorgia Boragini Emiliano Brunetti Antonia Buizza Riccardo Burgazzi Stefano Calzati Matthias Canapini Marco Candida Paolo Caponetto Valerio Carbone Paolo Ceccarini Marta Chini Daniele Comberiati Carlo Conte & Andrea Cerasuolo Luca Cristiano Alessandro Dal Lago Isabella Fosca De Miro Ilaria de Seta Rosario Dipasquale Riccardo Donati & Nicola Turi Michele Emidi Niccolò Falchini Marisa Fasanella Fabri Fiacca & Denis Venturi Valeria Fraccari Alberto Fumagalli Vincenzo Furfaro Liuba Gallazzi Roberto Garatti Elisabetta Garbini Costa Achille Gasparotti Andrea Gialloreto Barbara Giuliani Lucia Grassiccia Gerardo Innarella L'Orablù Roberto Marri Marco Mastromauro Simone Mazza Nadia Meli Franco Monaca Cristina Muccioli Riccardo Pelizzo Riccardo Pelizzo & Kinyondo Abel Maximo Pellegrinetti Giuseppe Perciabosco Marco Vinz Pinnavaia Diana Pintus Paolo Vitaliano Pizzato Mario Pomilio Emilia Primicile Carafa Rosalia Pucci Gabriella Raimondi Claudio Roncarati Antonella Sica Stefania Signorelli Nivangio Siovara Mario Spinella Maria Luisa Suprani Stefano Testa Vincenzo Turba Nicoletta Vallorani Ygor Varieschi Elvira Vigliano Redazione Zona Letteraria

Pubblica con noi

News

Letteratura espressa - Notizie dalla frontiera

14 Novembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Questo è il mio braccio

31 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Le ortiche

03 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Istvan

12 Settembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Verso il vulcano

22 Agosto alle ore 09:09

Letteratura espressa - L'uomo senza

25 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Un pezzo di cielo dentro di me

11 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Roy

27 Giugno alle ore 10:10

Letteratura espressa - La casa delle aquile

13 Giugno alle ore 09:09

Letteratura espressa - Gli sposi

30 Maggio alle ore 10:10

Premio di poesia Matteo Cristiano - Prima edizione

23 Maggio alle ore 18:00

Letteratura espressa - Il fiume in piena

16 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Mattina, stazione

02 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Il posto delle cose

18 Aprile alle ore 09:09

Letteratura espressa: nuova stagione

18 Aprile alle ore 08:08

Siamo così indie

12 Aprile alle ore 09:09

Dal letame non sempre nascono i fiori

07 Dicembre alle ore 09:09

Premio Gozzano 2017 a Valeria Fraccari

15 Ottobre alle ore 08:08

Presentazione ufficiale di Scrittojo a Chieti

05 Maggio alle ore 09:09

Eventi

Post

logo-prpospero2
Letteratura espressa - L'uomo senza
Letteratura espressa - L'uomo senza-image

Meno per meno farà più ma spesso nella vita di tutti i giorni, che è la stessa che richiama riflessioni esistenziali, che è talvolta estremamente lontana dall’aritmetica, se moltiplichi meno a meno ottieni ciò che sembra a un approccio più banale: piccole grandi catastrofi e vicoli ciechi.

 

L’uomo senza
 

Rallento per parcheggiare. L'auto borbotta e sputa un nugolo nero.

Passi incerti. Mi sento osservato perché sono solo, e mi immagino come una specie di serpente in abiti umani. Barcollo fino a una panchina, dove siedo in punta. Il fiume tace. La crescente consapevolezza di essere invisibile sopisce l'ansia.

Comincio a scandagliare il verde. Sul parco, sulla lieve collina: ci sono coppie dappertutto. Passeggiano, ruzzano, parlano. I primi due sui quali mi soffermo sono giovanissimi. Lei è delicata e sorridente. Da ragazzo non ne ho mai avuta una così. Lui ha l'aria da stronzetto, ma evidentemente sono gli stronzetti i tipi che piacciono alle donne, già da adolescenti. Però, ecco lui cos'ha: è vivace, brioso e sicuro di sé, mentre io sono sempre stato goffo, umbratile e disfattista.

Mi volto: due trentenni camminano vicini; lui le stringe i fianchi. Mi pare di percepirle, quelle fattezze gentili e calde sotto le sue mani. Lei è sensuale, uno schianto. L'abbigliamento è giusto: né eccentrico, né anonimo; si intravede, con eleganza, un corpo ben fatto. Continuo a fissarli. Sembrano addirittura felici, parlando assorti, come se l'uno fosse una religione per l'altro. Staranno progettando vacanze di qua o di là; magari tra un paio d'ore ceneranno con tanti amici e scherzeranno e si divertiranno. Che sciocco, sto proiettando su di loro ciò che non sono mai stato capace di fare: ridere, essere piacevole, essere finto. Il teatro, gli amici, la gita in barca, le chiacchiere facete o, peggio ancora, quelle che tengono in piedi il momento.

Le rondini annunciano la sera mentre aspetto la morte come uno che aspetta il tram. Per non subire il parossismo dei baci altrui al sole calante, e il cinguettio che mi rammenta la giovinezza, mi fiondo al chiosco. Il legno risuona di passi; le voci si intersecano annebbiando la mia claudicante precarietà. Scruto il bar, le persone: sono piombato in una commedia della fretta – i baristi scalpicciano madidi di sudore –, del vivere bene e degli abiti per la domenica.

Un omone mi urta. «Scusi.» Rispondo con un gesto e mi aggrappo difettosamente al bancone.

«Cosa le preparo?» domanda una ragazza dolcissima, con la camicia bianca.

«Io?» dico distratto. «Sì, perdonami,» continuo «un bicchiere d'acqua. E uno di vino rosso». La mia voce è interdetta: devo ripetere l'ordinazione alla barista, che sorride per mestiere.

Ingollo l'acqua, sorseggio il vino. Mi siedo a fumare, in un angolo. Al tavolo di fianco si accomoda l'ennesima coppia. Stavolta sono due quarantenni, miei coetanei. Tanto per cambiare, lei è favolosa. Un vestito leggero, un cardigan che le rassoda le braccia e mostra lo sterno e il petto aggraziato; esile, ma il bacino un po' largo; i capelli mossi. Lui scherza con modi affettati, e la donna risponde fremente. Il desiderio di essere al posto dell'uomo si disgrega ascoltando quel patetico vaniloquio: non hanno risolto niente, stando lì a ingannare se stessi. Perché questo meschino bisogno di fingere che ci sia l'eternità?

Torno a sedere sulla panchina. Il sole piantato nell'acqua dove la luna si specchia. A sinistra, una coppia di settantenni che sorridono, senza entusiasmo né speranza. Non parlano; si sfiorano per caso, camminando. Sembrano stare davvero assieme, in pace, smentire il mio cinismo.

Rabbuia, finché i signori non li vedo più.

 

Paolo Ceccarini

 

Nasce a Viterbo nel 1983. Ha pubblicato diverse poesie e due romanzi (Dentro Ambra, Alter Ego, 2013 e Sinola, Prospero Editore, 2017). Alcuni suoi racconti sono usciti su riviste come Spaghetti Writers e Kultural. Lavora con Fabula Agenzia Letteraria e dirige il blog Quasicultura.