I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Inviaci il tuo testo Concorsi Altri servizi Distribuzione Rivista "Zona Letteraria" Collana "Scrittojo" Collana "Le orbite" Partner

catalogo

Autori

Cinzia Abis Silvia Accorrà Patrizia Argentino Sergio Baratto Gabriele Baroni Carla Benedetti & Giovanni Giovannetti Andrea Benussi Gabriel-Aldo Bertozzi Serena Bilanceri Marcello Bolpagni Francesco Bongiorno Giorgia Boragini Emiliano Brunetti Antonia Buizza Riccardo Burgazzi Stefano Calzati Matthias Canapini Marco Candida Paolo Caponetto Valerio Carbone Paolo Ceccarini Marta Chini Daniele Comberiati Carlo Conte & Andrea Cerasuolo Luca Cristiano Alessandro Dal Lago Isabella Fosca De Miro Ilaria de Seta Rosario Dipasquale Riccardo Donati & Nicola Turi Michele Emidi Niccolò Falchini Marisa Fasanella Fabri Fiacca & Denis Venturi Valeria Fraccari Alberto Fumagalli Vincenzo Furfaro Liuba Gallazzi Roberto Garatti Elisabetta Garbini Costa Achille Gasparotti Andrea Gialloreto Barbara Giuliani Lucia Grassiccia Gerardo Innarella L'Orablù Roberto Marri Marco Mastromauro Simone Mazza Nadia Meli Franco Monaca Cristina Muccioli Riccardo Pelizzo Riccardo Pelizzo & Kinyondo Abel Maximo Pellegrinetti Giuseppe Perciabosco Marco Vinz Pinnavaia Diana Pintus Paolo Vitaliano Pizzato Mario Pomilio Emilia Primicile Carafa Rosalia Pucci Gabriella Raimondi Claudio Roncarati Daniele Scalese Antonella Sica Stefania Signorelli Nivangio Siovara Mario Spinella Maria Luisa Suprani Stefano Testa Vincenzo Turba Nicoletta Vallorani Ygor Varieschi Elvira Vigliano Redazione Zona Letteraria

Pubblica con noi

News

Letteratura espressa - Sara

05 Dicembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Notizie dalla frontiera

14 Novembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Questo è il mio braccio

31 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Le ortiche

03 Ottobre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Istvan

12 Settembre alle ore 09:09

Letteratura espressa - Verso il vulcano

22 Agosto alle ore 09:09

Letteratura espressa - L'uomo senza

25 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Un pezzo di cielo dentro di me

11 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Roy

27 Giugno alle ore 10:10

Letteratura espressa - La casa delle aquile

13 Giugno alle ore 09:09

Letteratura espressa - Gli sposi

30 Maggio alle ore 10:10

Premio di poesia Matteo Cristiano - Prima edizione

23 Maggio alle ore 18:00

Letteratura espressa - Il fiume in piena

16 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Mattina, stazione

02 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Il posto delle cose

18 Aprile alle ore 09:09

Letteratura espressa: nuova stagione

18 Aprile alle ore 08:08

Siamo così indie

12 Aprile alle ore 09:09

Dal letame non sempre nascono i fiori

07 Dicembre alle ore 09:09

Premio Gozzano 2017 a Valeria Fraccari

15 Ottobre alle ore 08:08

Presentazione ufficiale di Scrittojo a Chieti

05 Maggio alle ore 09:09

Eventi

Post

logo-prpospero2
Letteratura espressa - Sara
Letteratura espressa - Sara-image

La pioggia porta consiglio? Il silenzio porta consiglio? Di certo il consiglio lo porta prima di tutto chi lo ascolta. Allora sbirciamo sull’esistenza della protagonista di questo breve racconto dall’atmosfera noir, alle prese con appuntamenti da correggere quando un improvviso calore la raggiunge nella frescura della notte.

 

Sara

 

Di notte Sara riusciva sempre a pensare con lucidità. Le piaceva camminare per le strade vuote, soprattutto nelle serate non troppo fredde, appena dopo che aveva piovuto e con una leggera brezza che le accarezzava il viso, ma senza farla rabbrividire. Una serata come quella.

Non era troppo tardi, ed era finalmente sola. Le piaceva anche la solitudine, quando doveva pensare. La compagnia della gente in generale non la disturbava, ma la solitudine a volte era perfetta. Come in quel momento, mentre si godeva la strada tutta sua, la notte intonata con il suo spirito, il tempo che le consentiva di mettere ordine nei suoi pensieri.

Domani poteva essere il giorno che aspettava con impazienza da quando le era stato assegnato il caso Saldana, il giorno in cui lo avrebbe risolto una volta per tutte: voleva farlo per Gentner, che quasi ci lasciò la pelle prima di lei, per il capitano Horan, ma soprattutto per suo padre. Per dimostrare che era una brava poliziotta, che la giustizia vinceva sempre contro il crimine e i suoi seguaci. Ma c’è ancora tempo, si disse. Forse domani sarebbe stato soltanto un altro giorno di attesa da sommare agli altri, e lei avrebbe dovuto essere paziente. Era una vita che Sara lo era, paziente: e si augurò che non arrivasse mai il momento in cui avrebbe dimenticato come esserlo.

Ma a questo lei non voleva pensare. C’era la notte con i suoi colori migliori, il silenzio che preferiva, il clima ideale per il suo corpo in movimento.

Eppure tutto era iniziato con un appuntamento che non le era piaciuto per niente. Era da qualche tempo che non usciva con un uomo, e già dopo pochi minuti non vedeva l’ora di andarsene: non che Killian – questo era il nome dell’uomo, un collega del distretto vicino che le faceva la corte da un paio di mesi – fosse stato noioso o fin troppo esuberante, ma era solo che lei voleva starsene per conto proprio. Forse era davvero stanca o troppo tesa per il lavoro, come le aveva detto Killian. O forse era stato semplicemente un errore accettare quell’appuntamento.

Le aveva chiesto di rivedersi quando il caso Saldana sarebbe stato finalmente chiuso, ma Sara sapeva che non ci sarebbe stata una seconda possibilità per loro. Da tempo non si sentiva attratta da qualcuno, e non perché non volesse un uomo nella sua vita: era come se, in qualche modo, fosse in attesa della venuta di qualcosa, e pur non sapendo di cosa o di chi si trattava, si riservasse solo per quello.

Si alzò un po’ di vento, e Sara affrettò il passo. Qualche schiamazzo lontano arrivò alle sue orecchie, e finì per rovinare la perfezione di quel momento. Lei si guardò intorno, gettando un’occhiata attenta ai giardini illuminati alla sua sinistra, alle ombre fisse che le luci artificiali gettavano sul selciato bagnato. Non c’era nessuno, lì attorno a lei. Era sola, proprio come lei voleva: eppure le sembrava una situazione così irreale, e del tutto effimera.

Sentì il bisogno di fumare, e quando tirò fuori la mano destra dalla tasca del giubbotto di pelle per abbassare la cerniera e prendere il pacchetto che teneva all’interno, una strana sensazione s’impadronì di lei. Avvertì come qualcosa che le sfiorava la mano, un tocco tiepido e sfuggente che per un istante sembrò diventare una stretta calda che voleva prenderle le dita e stringerle dolcemente, come in ricordo di un tempo lontano e indecifrabile.

In mezzo a quella notte fatta di quiete e di ombre che si confondevano nel buio, Sara si fermò. Il vento freddo le scompigliò i capelli e accarezzò il volto pensieroso, ma lei sentiva solo il calore di una mano invisibile che si univa alla sua, che sembrava volesse ricordarle con quel gesto qualcosa, oppure qualcuno, e che poi lentamente la lasciò, per svanire come un’altra perfezione infranta.

Sara si guardò intorno, ma non c’era nessuno. Osservò la sua mano, ma oltre a essa non vide nient’altro.

Nel suo cuore avvertì qualcosa, che invece c’era. E non si trattava di paura.

Era soltanto nostalgia.

 

 

Ygor Varieschi

 

Ygor Varieschi è nato e vive a Milano. Laureato in lettere, è scrittore per vocazione e per passione. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo romanzo, Henry Wickhamcon la casa editrice LuoghInteriori, ma la sua fatica letteraria più recente e ambiziosa è 2090 (Prospero Editore). Il prossimo 20 dicembre ne sarà disponibile il secondo volume: La fiducia è l’unica fede, che fa seguito a Ombre nelle tenebre (2017), quindi tenetevi pronti per andare in libreria.

Sara, la protagonista di questo racconto, è proprio tra i personaggi principali del romanzo. Non perdetevi gli altri brani firmati Varieschi per Letteratura Espressa: Istvan e Roy.