I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Inviaci il tuo testo Concorsi Altri servizi Distribuzione Scrittojo Partner

catalogo

Autori

Cinzia Abis Silvia Accorrà Patrizia Argentino Sergio Baratto Gabriele Baroni Carla Benedetti & Giovanni Giovannetti Andrea Benussi Serena Bilanceri Marcello Bolpagni Francesco Bongiorno Giorgia Boragini Antonia Buizza Riccardo Burgazzi Matthias Canapini Marco Candida Paolo Caponetto Valerio Carbone Paolo Ceccarini Carlo Conte & Andrea Cerasuolo Luca Cristiano Isabella Fosca De Miro Rosario Dipasquale Michele Emidi Marisa Fasanella Fabri Fiacca & Denis Venturi Valeria Fraccari Alberto Fumagalli Vincenzo Furfaro Liuba Gallazzi Roberto Garatti Elisabetta Garbini Costa Barbara Giuliani Lucia Grassiccia Gerardo Innarella Roberto Marri Marco Mastromauro Simone Mazza Nadia Meli Franco Monaca Riccardo Pelizzo Riccardo Pelizzo & Kinyondo Abel Giuseppe Perciabosco Paolo Vitaliano Pizzato Mario Pomilio Emilia Primicile Carafa Gabriella Raimondi Claudio Roncarati Antonella Sica Stefania Signorelli Nivangio Siovara Maria Luisa Suprani Vincenzo Turba Nicoletta Vallorani Ygor Varieschi Elvira Vigliano

Pubblica con noi

News

Dal letame non sempre nascono i fiori

07 Dicembre alle ore 13:44

Premio Gozzano 2017 a Valeria Fraccari

07 Dicembre alle ore 11:47

Presentazione ufficiale di Scrittojo a Chieti

07 Dicembre alle ore 11:47

Esito 4° concorso Prospero's ebooks

07 Dicembre alle ore 11:47

Eventi

Post

Dal letame non sempre nascono i fiori

Il 24 novembre, a Medole (MN), c’è stata un’irruzione di Skinhead durante la presentazione di un libro.
Il 29 novembre, con più risonanza mediatica, a Como.
Nella notte tra il 3 e il 4 dicembre, a Milano è stato cancellato un murales disegnato per i settant’anni della Liberazione, sostituendo la scritta “Bella ciao” con “Duce a noi”.
Ieri, 6 dicembre, una dozzina di militanti di Forza Nuova ha “dichiarato guerra” a Repubblica e l’Espresso.
Sabato 9 è prevista una manifestazione antifascista a Como e Forza Nuova ha dichiarato che organizzerà un contro-corteo, nonostante il divieto della prefettura.

 

Negli ultimi dieci anni, in Europa, si è andato fertilizzando un terreno da sempre fruttuoso per il fascismo: crisi economica e conseguente sfiducia nelle istituzioni democratiche, sentite come lente e impotenti. In diverse periferie è allora iniziata una ricerca di risposte semplici, immediate: pane ai compatrioti bisognosi (cosa che faceva già Alba Dorata in Grecia), musi duri da mostrare ai poteri forti. Ora da un lato si additano i capri-espiatori (i migranti, le razze inferiori) e dall’altro si denunciano i traditori della Patria (i culi flaccidi dei salotti culturali).
E se in questi ultimi dieci anni ci si è illusi che il fenomeno riguardasse solo i barbari popoli del Nord Europa (quelli che, per citare il gerarca Barbagli, personaggio di Corrado Guzzanti, “andavano ancora ignudi a caccia di marmotte quando noi già ammazzavamo u' Giulio Cesare”), adesso non è più possibile ignorare la “mucca nel corridoio”: in Italia si chiama Casa Pound, Cuore Nero, Forza Nuova, Lealtà-Azione. Sta diventando sempre più grassa e si è fatta anche minacciosa.
Non sono fuochi di paglia: questi fenomeni si susseguiranno ancora per mesi e probabilmente manterranno il ritmo attuale (uno ogni quattro o cinque giorni) o addirittura lo intensificheranno, perché è utile allo scopo: mostrarsi forti. Le dimostrazioni di forza generano consenso tra i deboli, gli emarginati, i pavidi. Quando saranno abbastanza forti, ecco che le minacce si trasformeranno in aggressioni per coloro che “con le buone” non avranno ancora capito: i problemi si risolvono con le sberle, non con ramanzine e discorsetti!

 

Il consenso che questi gruppi vanno cercando non è elettorale: è fideistico, è l’ammirazione che il fratellino indifeso nutre per il maggiore, che è in grado di difenderlo e farlo sentire protetto grazie ai suoi grossi muscoli. Ai fascisti non interessano le prossime elezioni (se qualche partito istituzionale presta loro il fianco, giustificando o minimizzando le loro azioni come fanno Fratelli d’Italia o Lega Nord, tanto meglio; ma non è importante): il loro scopo è sentirsi abbastanza forti per marciare di nuovo su Roma.
Purtroppo scappa da ridere nel leggere una cosa del genere. Eppure i sintomi ci sono e non sembra proprio che la cura liberista li stia curando, anzi. Siamo alla fine del 2017 e i partiti neofascisti sono già numerosi, la domanda è: quanto saranno forti nel 2022? Forti non significa “essere tantissimi”, significa “essere abbastanza per”. Per un golpe. Sia chiaro, questa non vuole essere una profezia millenarista: i fatti possono anche non realizzarsi, ma non si deve ignorare che il fine ultimo di certi movimenti è insito nel proprio nome. I fascisti non conoscono altri metodi, non hanno altri obiettivi: le loro menti ragionano così.
Andiamo verso l’ennesimo governo debole, l’ennesima coalizione semi-eletta con l’ennesima legge sgradita. Andiamo verso anni in cui aumenterà ancora il letame attorno. E dal letame non sempre nascono i fiori.