I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Inviaci il tuo testo Concorsi Altri servizi Distribuzione Rivista "Zona Letteraria" Collana "Scrittojo" Partner

catalogo

Autori

Cinzia Abis Silvia Accorrà Patrizia Argentino Sergio Baratto Gabriele Baroni Carla Benedetti & Giovanni Giovannetti Andrea Benussi Serena Bilanceri Marcello Bolpagni Francesco Bongiorno Giorgia Boragini Emiliano Brunetti Antonia Buizza Riccardo Burgazzi Matthias Canapini Marco Candida Paolo Caponetto Valerio Carbone Paolo Ceccarini Marta Chini Daniele Comberiati Carlo Conte & Andrea Cerasuolo Luca Cristiano Alessandro Dal Lago Isabella Fosca De Miro Ilaria de Seta Rosario Dipasquale Riccardo Donati & Nicola Turi Michele Emidi Niccolò Falchini Marisa Fasanella Fabri Fiacca & Denis Venturi Valeria Fraccari Alberto Fumagalli Vincenzo Furfaro Liuba Gallazzi Roberto Garatti Elisabetta Garbini Costa Barbara Giuliani Lucia Grassiccia Gerardo Innarella L'Orablù Roberto Marri Marco Mastromauro Simone Mazza Nadia Meli Franco Monaca Riccardo Pelizzo Riccardo Pelizzo & Kinyondo Abel Giuseppe Perciabosco Marco Vinz Pinnavaia Paolo Vitaliano Pizzato Mario Pomilio Emilia Primicile Carafa Rosalia Pucci Gabriella Raimondi Claudio Roncarati Antonella Sica Stefania Signorelli Nivangio Siovara Maria Luisa Suprani Stefano Testa Vincenzo Turba Nicoletta Vallorani Ygor Varieschi Elvira Vigliano

Pubblica con noi

News

Letteratura espressa - L'uomo senza

25 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Un pezzo di cielo dentro di me

11 Luglio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Roy

27 Giugno alle ore 10:10

Letteratura espressa - La casa delle aquile

13 Giugno alle ore 09:09

Letteratura espressa - Gli sposi

30 Maggio alle ore 10:10

Premio di poesia Matteo Cristiano - Prima edizione

23 Maggio alle ore 18:00

Letteratura espressa - Il fiume in piena

16 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Mattina, stazione

02 Maggio alle ore 09:09

Letteratura espressa - Il posto delle cose

18 Aprile alle ore 09:09

Letteratura espressa: nuova stagione

18 Aprile alle ore 08:08

Siamo così indie

12 Aprile alle ore 09:09

Dal letame non sempre nascono i fiori

07 Dicembre alle ore 09:09

Premio Gozzano 2017 a Valeria Fraccari

15 Ottobre alle ore 08:08

Presentazione ufficiale di Scrittojo a Chieti

05 Maggio alle ore 09:09

Eventi

Post

Letteratura espressa - Gli sposi

Oggi regaliamo ai nostri seguaci più indefessi un brano in due movimenti: Gli sposi (tratto da L’asino blu di Alessandro Trasciatti, Flussi edizioni d’arte, 1997) e Cento scacciapensieri, che è invece tutto inedito, sempre dalla penna beffardamente chiara di Trasciatti. Un’occasione d’oro per collezionare pause caffè in quest’ultimo mercoledì maggese.


Gli sposi

Non ricordo che ci fossimo scambiati promesse di amore eterno. Non ci furono solenni giuramenti, né programmi di vita in comune. Ma, stringendola al petto, io sapevo di aver compiuto una scelta e ne ero fiero. Guardandola in silenzio o parlando di cose indifferenti, rinnovavo incessantemente il mio spontaneo voto di dedizione, il mio sposalizio unilaterale e segreto. Solo rimanendo nell'ombra, rinunciando ad essere formulato il mio desiderio si sarebbe realizzato. No, lei non avrebbe mai accettato di sposarmi, si sarebbe irrigidita nel timore di perdere la sua libertà così precaria, forse la sua stessa identità. Magari col tempo me lo avrebbe chiesto lei stessa, ma ora era opportuno evitare la questione e lasciare le nostre vite scorrere su binari differenti che, così, s'incontravano sempre più spesso fondendosi spontaneamente in un'unica direzione di marcia. Sì, nella pratica eravamo già, felicemente, marito e moglie, ma l'unico ad aver contratto matrimonio ero io.
Quella felicità che io credevo inalterabile ben presto andò in frantumi. Accadde ciò che non doveva accadere, lei scoprì il mio segreto e fu la fine della nostra relazione. Non so come riuscì a capire che io, senza il suo consenso, l'avevo sposata e coltivavo nel mio cuore il sogno di un perenne contratto d'amore. Sono propenso a credere che lei non abbia mai sospettato nulla fino al momento di una mia inconsapevole e sciagurata rivelazione. Forse mi tradii parlando nel sonno, o lasciai trapelare qualcosa da un'occhiata troppo intensa. Forse intuì la verità dal muoversi del mio corpo sopra di lei, o forse furono questi e molti altri indizi che, insignificanti se presi un ad uno, andarono intessendo una fitta rete di rimandi silenziosi e, quando l'ultimo e casuale elemento venne ad aggiungersi, mostrarono un disegno compiuto e perfettamente comprensibile. Non volle sentire ragioni. Divenni ai suoi occhi un uomo insopportabile, possessivo, asfissiante e giunsi a convincermene io stesso. Mi lasciò dopo due giorni di violenti litigi, durante i quali mi coprì di insulti che io sopportavo inebetito. Ancora adesso continuo a maledire la natura che ci ha fatti così pieni di falle, di crepe che lasciano sfuggire schegge incontrollabili di senso, contro la nostra volontà. Eppure - mi dicono gli amici - se sono stato io stesso a tradirmi, era questo che desideravo.


Cento scacciapensieri

Per colmare l’enorme e improvvisa voragine che si aprì nella mia esistenza quando lei mi lasciò cominciai a collezionare gli oggetti più diversi. Fino ad oggi ho traslocato tre volte, in appartamenti sempre più grandi, per fare spazio alle mie raccolte. Quel vuoto si è trasformato, in apparenza, nel suo contrario, in un rigonfio di cose, ma questo eccesso di pieno è solo un inganno per sviare gli occhi indiscreti. Chi mi conosce bene sa cosa si nasconde dietro la smania del collezionista. Sono passato senza soluzione di continuità e senza troppa perizia dalle conchiglie ai minerali, dalle monete ai francobolli, dalle bottiglie di liquore mignon alle etichette dei vini. Ho allineato sugli scaffali centinaia di modellini di auto, soldatini di piombo, locomotori elettrici. Ho riempito i cassetti di carte da gioco nelle loro varietà regionali, schede telefoniche e cartoline d’epoca. Una dopo l’altra ho lasciato perdere le serie invecchiate in fretta e ne ho intrapreso di nuove che sono andate a sommarsi alle altre senza prenderne il posto. Nessuna è rimasta indietro, sono un collezionista che si stanca presto ma che resta fedele al proprio passato e ama farne mostra. Non sono oggetti di grande valore – questo è chiaro – ma io ci tengo ugualmente e per ogni collezione ho approntato un catalogo con una descrizione sommaria di ogni singolo pezzo. Su uno scaffale, accanto ai libri, ci sono delle piccole rubriche con la copertina rossa in cui ho riassunto il mio tesoro domestico. Ho anche intrapreso il trasferimento dei dati nel computer, ma è un lavoro lungo a cui mi dedico mezz’ora al giorno.
La mia raccolta più recente, quella che tuttora coltivo, sono tutti scacciapensieri. Per adesso ne possiedo una cinquantina, di diverse forme e grandezze. Quando ne avrò messi insieme un centinaio riunirò cento amici all’ombra di un olivo secolare, in un giorno d’estate, e suoneremo tutti insieme i nostri cento scacciapensieri. Sarà come un’esplosione di cicale nel sole rovente del dopopranzo. Suoneremo fino a sera. Poi ospiterò gli amici a casa mia, con cura sistemerò anche loro sugli scaffali. Sarà difficile farceli entrare, ma ci riuscirò a costo di traslocare ancora. Porterò dentro anche l’olivo secolare. Il mondo è fragile e indifeso, non posso lasciarlo fuori casa.

 

Alessandro Trasciatti (Lucca, 1965) ha fatto l’archivista e il piccolo editore, poi è finito alle Poste. Ha pubblicato racconti, recensioni e articoli su riviste di vario genere:“Paragone, “Poesia”,“Gente Viaggi”. Negli anni ha raccolto i suoi testi in tre volumetti: Prose per viaggiatori pendolari (Mobydick 2002), Il dottor Pistelli. Una vita in ritardo (Garfagnana 2013), Scampoli (Oèdipus 2017). Ha scritto inoltre il romanzo La via dell’orco (Trasciatti 2008) e Avevo costruito un sogno (Ediesse 2014), biografia di Ferdinand Cheval, postino e artista.